sabato 17 novembre 2007

la spallata .......fallita

la famigerata, attesa, invocata, spallata e’ fallita, il Cavaliere non e’ riuscito a mantenere ciò che da tanto tempo predicava, il governo Prodi e’ riuscito a far approvare la legge finanziaria, senza ricorrere al voto di fiducia.

Un bel traguardo politico e’ stato raggiunto dal csx, soprattutto in virtù del fatto, che molti commentatori politici davano per spacciato il governo del professore bolognese. Lui invece ha scommesso, ha fatto la voce forte ed ha portato a casa un ottimo risultato.

Dall’altra parte dello schieramento politico, invece, la faccenda si complica e non poco. L’assegno in bianco, preteso, da Berlusconi non e’ stato incassato dagli alleati, che adesso per motivi diversi, danno segni di nervosismo.

AN si ritrova stretta in una politica, centrista che non ha pagato, al suo interno il suo leader, oltre a problematiche personali, si sente tradito per l’appoggio dimostrato a Storace da Berlusconi, i suoi colonnelli, (Gasparri e La russa), iniziano a mettere in atto una manovra di smarcamento da FI, e per di più l’ex partito di Giorgio Almirante, collezione fughe di personaggi di primo ordine (vedi Santache’).

Il centro con Casini ha gli stessi problemi, Cesa continua a ripetere che devono riuscire a trovare un’accordo sulla riforma elettorale, ma le manovre di prodi e compagni li hanno bloccati su una posizione cristallizzata.

Ancora una volta il nostro paese, mette in campo un’opposizione latitante, ancora una volta invece di combattere sul merito si combatte su posizioni da trincea, cercando di mettere in difficoltà il nemico e avvantaggiandosi delle emergenza che via via si creano.

Unica novità la creazione di un nuovo soggetto politico, denominato “LA DESTRA”, fondato da Storace e Buontempo, LA DESTRA e’ riuscita a catturare tutti gli scontenti di AN, pregiudicando non poco la tenuta degli equilibri interni della CDL, il suo 3% (dai sondaggi), e’ composto da tutti coloro che non si riconoscono più, nelle politiche centriste di AN, ma che allo stesso tempo non vogliono avere nulla a che fare con l’estremismo dell’estrema destra (vedi forza nuova)

L’Italia nel frattempo, si dondola in un’immobilismo pauroso, le tasse, la pressione fiscale, la criminalità, tutto aumenta e contribuisce a creare un clima degenerato, nessuna politica fiscale, ne tanto meno la manovra varata, riuscirà mai a fermare questo declino, solo il cambio del sistema in radice, forse permetterà, un giorno, sempre piu lontano, al nostro paese di rialzare la testa.

Non ci resta che lottare e sperare……ma purtroppo anche la speranza sta giungendo la termine.

3 commenti:

nemoteneturadimpossibilia ha detto...

LA SPALLATA


Spallata o non-spallata?
Non è questo il problema.In questo momento è un rincorrersi di rassicurazioni,di compravendita di voti,telefonate,dalemoni.Dini sta con un piede di qui ed uno di là,perchè Prodi gli avrebbe promesso la vicepresidenza.La Finocchiaro poverina,non dorme la notte.Difficile fare il capogruppo al Senato in questa compagine numericamente esigua.Mi rendo conto.
Dopodomani , se la spallata ci dovesse essere ,la CdL brinderà,ed idealmente lo farà la maggior parte degli Italiani.
Se,al contrario non ci dovesse essere ,già mi vedo un Prodi gongolante ,tronfio davanti ai microfoni nell'inanellare una serie di dichiarazioni sulla compattezza del governo , e sul fallimento della spallata .Contornato dai vari giannizzeri,che è tutto un programma...
Tutti i giornali faranno titoloni, e tutti vissero felici e contenti.


No, presidente Prodi,non va .....
La spallata ,se ci sarà o no,è un problema che riguarda te,non gli Italiani.
O pensi che gli Italiani ti abbiano votato per fare le scaramucce con l'opposizione?
E' da quando sei stato eletto che tu e la tua compagine collezionate una serie di figure meschine da brivido.

Passiamo in rassegna una serie non certo esaustiva di "perle" dell'azione di governo attuale .

- Facciamo appena un accenno alle promesse elargite a piene mani dal pulpito di “porta a porta” .Tra l’altro citiamo la non volontà di aumentare le tasse (ribadita in più riprese),la promessa della felicità(manco fosse il mago Zurlì, e poi noi ci saremmo accontentati di molto meno.Ma forse , essendo le tasse bellissime , ed essendo aumentate a livelli stellari,era questa stessa l’essenza della felicità )
- La gestione improvvida della politica estera ,che ha culminato con la scelta di interlocutori preferenziali a dir poco discutibili. Ricordiamo Ahmadinejad ed Al Fatah.Per gli smemorati ricordiamo che il presidente iraniano è quello che auspicava la cancellazione dello stato israeliano dalla carta geografica e anche quello che esaltava l’olocausto. Insomma,delle “personcine” a modo”.
- L’aumento della pressione fiscale che ha prodotto una depressione sia clinica che finanziaria ,colpendo tutti indistintamente,dal povero al ricco,passando dal ceto medio ,con unica eccezione rappresentata dalle realtà bancarie alle quali ha fatto un regalino natalizio di tutto rispetto e , prono com’è al potere bancario , non ha nemmeno chiesto nulla in cambio(per esempio la ristrutturazione dei tassi di interesse dei mutui a tasso variabile contratti dalle famiglie)
- Una sensazione di insicurezza sociale derivante dagli indulti e dalle scorribande di immigrati clandestini per lo più dell’est la cui occupazione,fatte poche eccezioni per le quali bisogna portare rispetto,sono dedite ad attività criminose come :rapine in villa col morto,spaccio di sostanze stupefacenti,violenze sessuali con morta annessa.
Quelli di cultura islamica invece,si limitano solo ad organizzare cellule terroristiche e ad uccidere connazionali che vivono all’occidentale.Insomma”robetta”….

-Una chicca:un emendamento di questa finanziaria prevede,se votata, la messa in stato di controllo delle utenze fisse e mobili dei possessori di casa(ovviamente per controllarne l’evasione).Ogni commento è superfluo.

E quindi,tra un bamboccione ed un'esaltazione della bellezza delle tasse ,fatta da chi ,come Tommasino PadoaSchioppa ,guadagna 36mila €/mese,più casa a Largo di Torre Argentina con affitto calmierato ,più aliquota fiscale al 9,75% mentre noi siamo tassati al 50%(roba da prenderlo a calci nel culo),arriviamo ai giorni nostri.

Finanziaria
-La Sen. Rita Levi Montalcini(quella che non avrebbe votato la finanziaria se non avesse stornato fondi alla ricerca per intenderci..) ha appena finito di votare contro un emendamento AN dell'On Valditara ,che prevedeva lo stanziamento di fondi per innalzare gli stipendi dei dottorati di ricerca che attualmente si attestano ad € 800 mensili.Tutti convinti,da Rossi a Turigliatto,da Dini a Fisichella .Il governo da parere negativo sull'emendamento e la Montalcini "si adegua".E tanto che le frega?La sua fondazione (Centro europeo di ricerca sul cervello) è stata finanziata!E poi si lamenta di ricevere in regalo una stampella?Napolitano ha perso una buona occasione per tacere.Potrebbe essere accusato di "soccorso rosso".

-La Sen. Franca Rame invece, ha votato contro un emendamento da lei presentato insieme a Rossi e Turigliatto per lo stanziamento di fondi per gli operatori esposti all'amianto.In pratica si è"votata contro".Giustificazione della stessa Rame:"Non sono più quella di due anni fa.Sono quella di adesso.Ho assunto un impegno con questo governo e purtroppo devo andare avanti".Che cazzo vorrà dire non lo so.....

Ecco perchè la spallata è un problema di Prodi e del suo indotto di poltrone.Su di noi cadono le tegole.Ma di questo non ne parla nessuno.Che Dio ce la mandi buona.
http://opinioniefintedemocrazie.blogspot.com/2007/11/la-spallata.html

Giuseppe ha detto...

io sulla spallata o implosione la vedo leggermente diversa.. per me in questo momento ha ragione il Berlusca

comunque bel discorso, bravo Spada!!
ciao Peppe

Giuseppe Pandolfo ha detto...

Hai ragione, La Destra ha raccolto molti militanti scontenti delle politiche portate avanti da AN. Ma non solo.

Io credo che questo "partito nuovo" (non "nuovo partito") sia l'unica soluzione ai mali più distruttivi della nostra società, vedi l'immigrazione clandestina, la questione sicurezza, la questione droga, etc.. Per tale ragione ritengo esso possa trovare adesioni, non solo da parte di chi militava in AN ma soprattutto, da coloro che, sbagliando, hanno evitato di andare a votare facendo dell'antipolitica la loro bandiera.

Io aumenterei questo 3% ma certamente, per sicurezza, è meglio aspettare le prossime elezioni.