martedì 5 febbraio 2008

l'Italica Agonia..........

AGONIA, questa e’ la parola giusta, agonia di un governo gia morto ma che si ostina a respirare, agonia di un premier defenestrato in malo modo (per la seconda volta), che si appresta a traghettare il paese verso quelle elezioni invocate da buona parte della popolazione.

E’ questa la parola che più di tutte si affaccia nella mia mente, raffigura ciò che succede nella nostra povera Italia, martoriata da politici che non si meriterebbero neppure di governare tra le mura domestiche.

Dopo infinite consultazioni, dopo giorni passati per dovere istituzionale a cercare una soluzione impossibile, finalmente, probabilmente, questo pomeriggio Napolitano darà indicazioni per lo scioglimento delle camere, primo passo per arrivare alle tante agognate elezioni.

La quadratura del cerchio non vi e’ stata, la tanto agognata sintesi, ricercata dalle sinistre non si e’ materializzata, il solco di venti mesi di governo fallimentare era troppo ampio. Il csx ancora una volta e’ andato in ordine sparso, ognuno dei partiti che componeva la ormai EX coalizione di governo non ha saputo trovare, per l’ennesima volta, quella unità ampiamente reclamizzata nell’ultima campagna elettorale. Di contro il cdx ha dato immagine d’unità d’intenti, dal Berlusca a Casini, da Fini a Bossi, passando per Storace, tutti hanno “forzato” per il voto, quel voto che probabilmente avverrà ad Aprile. Certo sarebbe stato meglio un cambio della legge elettorale, sarebbe stato meglio dare la possibilità ai cittadini di esprimersi tramite il Referendum, sarebbe stato meglio trovare un accordo sulle riforme istituzionali, ma la distanza tra i due schieramenti avrebbe voluto anni di lavoro e l’Italia non ha neppure una settimana da perdere.

Le contradizioni nate da questo governo litigioso sono ormai sotto gli occhi di tutti, sono stati eletti sperando che mettessero mani alla riforma elettorale e al conflitto d’interesse, non sono riusciti a portare a casa nulla, sono stati sprecati venti mesi, venti mesi in cui, le fronde della sinistra italiana, forse ottenebrati dal piacere di governare, hanno pensato solamente a litigare. Venti mesi sprecati ed un AGONIA interminabile.

Spadafora live

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma che c...o me ne fo..e a me di sinistra o destra. Tu non st.i bene con la testa se pensi che consegnare il paese in mano ad una manipolo di delinquenti, mafiosi ammastellati, berlusonati, bossdizzati e cuffarati sia meglio di cio che avevamo! Al peggio non c'è mai fine, ma questo è il suicidio!

l'unicoprofessoredidestradellasapienza ha detto...

E venti mesi di non pagamenti e di ricerca alla canna del gas.

gianfranco da catanzaro ha detto...

quoto in pieno l'intervento del mio amico spadafora-live.
Il Presidente della Repubblica ha sciolto le Camere e ha ridato voce agli italiani....finalmente!
Ora però a destra si apre una questione importante: Fini, Casini e Bossi vogliono correre con una CDL in formazione tipo e ciò escluderebbe FIAMMA e LA DESTRA...cosa ne pensi di un blocco unitario delle destre fuori dalla CDL? Premetto che tale blocco unitario prenderebbe sicuramente il mio voto.

http://radiciprofonde.blogspot.com